Più di 400 000 finlandesi vivono al di sotto del budget minimo

Due indicatori conferiscono una stima diversa del numero di persone povere.

Hämeen sanomat, Janne Linnovaara, STT

Helsinki

Centinaia di migliaia di finlandesi si trovano, ogni giorno, imbattuti nella situazione economica e i soldi non bastano comunque per le spese necessarie. La situazione è svelata dal nuovo rapporto del Centro di salute e benessere (THL).

In base al rapporto, circa all’ 8% dei finlandesi, ovvero circa a 440 000 persone, i ricavi non bastano per le uscite minime ragionevoli, quindi le loro entrate sono al di sotto del budget minimo. Circa il 12% dei finlandesi, ovvero circa 660 000 persone, vivono in povertà relativa. Le loro entrate sono al di sotto della relativa soglia di povertà europea.

La povertà basata sul budget minimo significa che in Finlandia è presente più povertà assoluta che povertà relativa.

– Ora, per la prima volta, sono state presentate le predizioni aggiornate sia della povertà relativa che del budget minimo di povertà. La povertà è un fenomeno di diverse dimensioni e la decisione della politica sociale si dovrebbe fondare su più di un solo indicatore di povertà, afferma il professore del sondaggio Pasi Moisio dal THL.

A seconda di entrambi gli indicatori, la quantità dei poveri viene predetta quest’anno allo stesso livello dell’anno 2014.

Le entrate rimanenti al di sotto del budget minimo sono solitamente di coloro che abitano da soli, genitori unici, studenti, disoccupati. Anche se la sufficienza dell’aiuto sociale è migliorato negli ultimi anni, questo non basta in tutti i nuclei familiari per il minimo consumo ragionevole. Ad esempio, le entrate disponibili da cui dipende la basilare indenità di disoccupazione di una persona che abita da sola, sono, di seguito ai costi dell’alloggio, solo il 71% del budget minimo.

La più grande differenza nel risultato tra il budget minimo e il relativo indicatore di povertà riguarda i pensionati e gli anziani. Dei pensionati e dei over 65 il 2-3% devono cavarsela con le entrate al di sotto del budget minimo, che poi a seconda del relativo indicatore di povertà, il 14-15% di loro vivono al di sotto della soglia di povertà relativa.

Il rapporto pubblicato giovedì è la terza parte della serie sulla situazione e ricerca sociale Finlandese.

Kommentointi on suljettu.

css.php