Finlandesi impazienti di aiutare nel periodo natalizio

pata

Il pentolone di Natale dell’Esercito della salvezza. Foto d’archivio. Foto: Trond H. Trosdahl

Quasi la metà delle donazioni offerte alla chiesa per la cooperazione allo sviluppo annuale viene offerta sotto Natale.

Hämeen sanomat, Johanna Latvala, STT

Helsinki

I finlandesi sono impazienti di donare specialmente nel perioso natalizio, viene raccontato dall’Unicef della Finlandia e dall’Esericito della salvezza. Entrambe le organizzazioni stimano che un quarto delle donazioni annuali giunge sotto Natale.

Secondo la cooperazione allo sviluppo Kirkon Ulkomaanapu e la direttrice della comunicazione Ritka Heino, la cultura della donazione in Finlandia si è sviluppata tutt’ora in una direzione più positiva.

Secondo Heino persino quasi la metà delle donazioni annuali de Kirkon Ulkomaanapu giungono nel periodo natalizio.

– Il fenomeno è comune nei paesi in cui sono presenti tante persone credenti nel cristianesimo. Nei paesi islamici le donazioni raccolte nel periodo del Ramadan si possono confrontare con la raccolta nel nostro periodo natalizio, dice Heino.

Secondo la vicedirettrice della raccolta fondi dell’Unicef, Minna Karvinen, la situazione in Siria ha portato i finlandesi a donare attivamente.

– Ai finlandesi non è svanito l’entusiasmo di donare, al contrario. Quando gli emigranti hanno iniziato a giungere lo scorso autunno, parte delle persone si sono spostate a incitare l’odio ma una gran parte voleva fare qualcosa, racconta Karvinen.

Secondo Karvinen è, soprattutto, il Natale il periodo in cui i finlandesi vogliono aiutare. Un quarto della somma delle donazioni Unicef di tutto l’anno giunge durante il periodo natalizio.

– Il Natale è il periodo che risveglia le persone a regalare spontaneamente. Abbiamo avuto comunque un buon anno per la raccolta fondi, siamo già brillantemente oltre l’obiettivo annuale, racconta Keino.

In Finlandia la raccolta del pentolone di Natale dell’Esercito della salvezza, Pelastusarmeijan Joulupata-keräys, compie 110 anni. Nell’anno della festa, con la raccolta fondi si raggiunge oltre un milione di euro di donazioni per i bisognosi. Anche nelle donazioni annuali dell’Esercito della salvezza un quarto arriva nel periodo natalizio.

Secondo Eija Kornilow, direttrice della comunicazione dell’Esercito della salvezza, internet non ha allontanato il tradizionale modo di raccolta.

– La raccolta in strada resta ancora la più popolare forma di donazione, circa un quarto o un quinto della nostre donazioni vengono attraverso internet, racconta Kornilow.

Volontari per occuparsi del pentolone, secondo Kornilow, continuano a dichiarare la propria disponibilità tutto il tempo, ma assieme all’invecchiamento delle persone c’è bisogno di più giovani.

– Abbiamo bisogno tutt’ora di più volontari che si occupano del pentolone, così da poter tenere fuori la stessa quantità di pentoloni anche prossimamente.

Kommentointi on suljettu.

css.php